Alfa Romeo Giulia, il gusto raffinato del Made in Italy

Nessun commento

Il Centro Sperimentale di Balocco (Vercelli) è stato il palcoscenico per la presentazione della nuova gamma targata Alfa Romeo: Giulia. Concepita come l’erede della Giulietta, la prima vettura a portare questo nome è stata prodotta a partire dal 1962 e presentata nel corso dello stesso anno all’Autodromo di Monza nella sua versione Turismo (TI). L’Alfa Romeo Giulia è stata la vettura in dotazione alle forze dell’ordine ed è rimasta nell’immaginario collettivo della popolazione italiana grazie alle sue numerose apparizioni nei film del filone cinematografico dei “polizieschi all’italiana” degli anni ’70.

La nuova Giulia rappresenta un punto di svolta del marchio di Arese proponendosi come principale competitor in un segmento dominato dai marchi tedeschi. Dal punto di vista estetico, la Giulia è l’espressione di un design ricercato ed elegante che si sviluppa attraverso il senso delle proporzioni e una raffinata semplicità. Il design si distingue per gli sbalzi molto ridotti, le linee moderne e aggraziate dei fari anteriori, un abitacolo arretrato e poggiato sull’asse di trazione con i parafanghi posteriori muscolosi che ne sottolineano lo spirito sportivo e aggressivo.

La nuova Giulia è già disponibile presso gli showroom italiani, con prezzi a partire da 35.500 euro per la versione base e 75.000 euro per la top gamma Quadrifoglio. Gli allestimenti disponibili sono cinque: Giulia, Super, Quadrifoglio e due tipologie Business e Business Sport dedicate al mondo delle aziende. La nuova Alfa Romeo Giulia è proposta, inoltre, in cinque nuove motorizzazioni: 2.2 Diesel da 150 CV e da 180CV abbinati a un cambio manuale a 6 marce oppure automatico a 8 marce; 2.9 V6 Biturbo benzina da 510 CV abbinato al cambio manuale a 6 marce.
La nuova Giulia è provvista della trazione posteriore, una scelta che è in linea con la volontà della casa di Arese di assicurare prestazioni elevate, una guida divertente ed emozionante e rendere, al tempo stesso, un doveroso tributo alle radici più autentiche del mito Alfa Romeo.

Il piacere alla guida di un’Alfa Romeo è spesso coadiuvato dall’ausilio di una serie di componenti elettroniche atte a garantire una guida piacevole e sicura ma in modo poco invasivo e impercettibile per il guidatore.
La nuova Giulia prosegue su questa linea, proponendo diversi ausili tecnici a seconda degli allestimenti scelti. Tra le innovazioni a disposizione troviamo la tecnologia Torque Vectoring che grazie alla sua doppia frizione, consente al differenziale posteriore di controllare separatamente la coppia per ciascuna ruota e garantire una perfetta aderenza anche in condizioni poco agevoli. Sempre nell’ottica sicurezza, fa il suo debutto con la nuova gamma Giulia, l’Integrated Brake System, un innovativo sistema elettromeccanico che combina il controllo della stabilità con il tradizionale servofreno garantendo una risposta immediata dell’impianto frenante. La connettività è garantita dal sistema Connect 3D Nav 8,8″ mentre a garantire la sicurezza è stato sviluppato un articolato sistema di sensori, Forward Collision Warning e Autonomous Emergency Brake, che avverte il guidatore di eventuali ostacoli o pedoni.

Le aspettative di Alfa Romeo sulla nuova Giulia si possono riassumere nelle parole dell’Amministratore Delegato Sergio Marchionne: “Dal punto di vista tecnico, questa è la migliore espressione di quel che siamo capaci di fare. Non ci sono concorrenti, neanche le tedesche. Qualcuno ha detto la BMW. Portatela qui, la guidiamo in pista e vediamo. Non ho dubbi sul successo della Giulia”.