Frescobaldi per Gorgona, il vino prodotto dai detenuti dell’isola-carcere dell’arcipelago Toscano

Nessun commento

La passione per il vino può assumere forme differenti. Il lavoro aziendale di Frescobaldi, azienda vinicola toscana, si può riassumere nella frase “cultivating Toscana diversity” e sancisce lo stretto legame della famiglia con la biodiversità del territorio toscano, nell’unione tra la montagna e il mare, la città e la campagna e, più semplicemente, tra la terra e gli uomini che la lavorano. Questa passione è esternata dalle parole del presidente Lamberto Frescobaldi: “Il mio sogno e quello della mia famiglia è condividere lavoro, emozioni e passione attraverso i nostri vini. Una vita dedicata a capire e a valorizzare questi territori rendendoli parte dello spirito della Toscana come arte del bello e del buono. Il nostro stile è fare parlare la terra e la diversità dei territori, rendendoli parte dello spirito toscano come arte del bello e del buono”.

Isola Gorgona

Isola Gorgona

Il presidente di Frescobaldi prosegue ammirando il lavoro e la passione con la quale produce i propri prodotti: “Siamo agricoltori da molte generazioni e il nostro sogno, oggi più che mai, è quello di condividere lavoro, emozioni e passione attraverso i nostri vini. I differenti terreni, le cui caratteristiche variano per composizione del suolo e microclima da tenuta a tenuta e perfino all’interno di ognuna di esse, vengono scelti sulla base della vocazione. Abbiamo profondo rispetto per la storia delle differenti zone di produzione che vogliamo rappresentare fedelmente”. 

L’unicità dei vini Frescobaldi nasce dalla rappresentazione di questa diversità, derivata principalmente dalle differenti tenute che, situate in zone particolarmente vocate alla produzione di vini pregiati (DOC, DOCG e IGT), differiscono per terreno, ambiente e storia, dando vita ad un vino che esprime un caleidoscopio di aromi e sensazioni.

L’impegno per un prodotto di qualità in armonia con il territorio, non è l’unico impegno che si prefigge Frescobaldi. Dal 2012, infatti, l’azienda si adopera per il sociale grazie alla creazione di un progetto di collaborazione – Frescobaldi per il sociale – che coinvolge l’azienda vitivinicola toscana e l’isola Gorgona, parte del Parco Nazionale Arcipelago Toscano e sede di una colonia penale, realizzata inizialmente come succursale di quella di Pianosa nel 1869. L’isola di Gorgona, l’unica isola-penitenziario rimasta in Italia, rappresenta uno splendido esempio di sistema penitenziario che funziona.

In questa struttura i detenuti trascorrono l’ultima parte del loro periodo detentivo, lavorando e vivendo a stretto contatto con la natura, ricevendo un’opportunità concreta per reinserirsi nella realtà lavorativa e nella comunità sociale. 

In questo contesto, Frescobaldi ha ideato, in collaborazione con la Direzione della colonia penale, un progetto che permettere ai detenuti dell’isola di avviare un’esperienza concreta e attiva nel campo della viticoltura. I detenuti, con la collaborazione e la supervisione degli agronomi e degli enologi di Frescobaldi, coltivano un ettaro di vigneto dell’isola che, seguendo l’iter produttivo, termina in cantina, dove viene prodotto un vino in edizione limitata, il Frescobaldi per Gorgona. 
Un impegno per l’azienda, in cui annualmente vengono investiti 100.000 euro, dalla quale viene prodotto in 2700 bottiglie ogni anno, un vino bianco a base di vermentino e ansonica. Grazie a questo progetto, i detenuti che lavorano in vigna nell’isola di Gorgona, sono regolarmente assunti e stipendiati da Frescobaldi.

Buona Domenica ☀️ {#FrescobaldiPerGorgona} #FrescobaldiVini #Frescobaldi #Gorgona #Toscana

A post shared by Matteo Acitelli (@matteoacitelli) on