Priceless Cities Rome, aperitivo al Colbert Villa Medici

Nella splendida cornice di Villa Medici, sede dell’Accademia di Francia a Roma, si trova uno spazio bistrot con vista mozzafiato: Colbert, aperto dal martedì alla domenica per colazione, pranzo e aperitivo. Grazie al programma Priceless Cities di Mastercard ho avuto il piacere di conoscere questa location e vivere un’esperienza unica, riservata a tutti i titolari di carte appartenenti al circuito. Mastercard Priceless Cities è senza dubbio un’ottima opportunità per tutte quelle persone affamate di esperienze, alla continua ricerca di eventi esclusivi come aperitivi, anteprime a teatro, visite a porte chiuse nei musei, incontri riservati nel backstage con grandi musicisti e artisti ed altre attività che la nota compagnia di carte di credito definisce Priceless Experience.

https://twitter.com/MatteoAcitelli/status/806586976900173824

L’ultimo aperitivo Priceless Rome al Colbert Villa Medici si è svolto il 7 dicembre in eccezionale apertura serale: una location mozzafiato che è riuscita ad incantare tutti i presenti grazie alla grande finestra spalancata su Roma ed un’atmosfera romantica e gioiosa che ha accompagnato la serata. Il programma internazionale Mastercard Priceless Cities è disponibile in Italia nelle città di Roma e Milano ma offre numerose offerte ed esperienze esclusive nelle più belle città del mondo. Per tutti i curiosi consiglio di visitare il nuovo account Instagram @PricelessCities che mostra una serie di fotografie tratte dagli eventi esclusivi del circuito Mastercard ed il sito ufficiale Priceless che offre la possibilità di iscriversi al programma e di consultare tutti i prossimi eventi.

Frescobaldi per Gorgona, il vino prodotto dai detenuti dell’isola-carcere dell’arcipelago Toscano

La passione per il vino può assumere forme differenti. Il lavoro aziendale di Frescobaldi, azienda vinicola toscana, si può riassumere nella frase “cultivating Toscana diversity” e sancisce lo stretto legame della famiglia con la biodiversità del territorio toscano, nell’unione tra la montagna e il mare, la città e la campagna e, più semplicemente, tra la terra e gli uomini che la lavorano. Continua a leggere

Sedentari in Movimento verso Rio 2016

Si può essere in forma senza praticare alcuno sport? – Secondo l’ultima ricerca Doxa/Unaitalia intitolata “Sport, attività fisica e alimentazione”, sono circa 16 milioni gli italiani che si mantengono in forma svolgendo attività fisica, attraverso alcuni accorgimenti nella vita di tutti i giorni. Sono persone che non hanno tempo per seguire corsi di aerobica o per praticare uno sport, ma sono attenti alla forma fisica e al benessere. Il loro segreto è una combinazione di attività fisiche con un’alimentazione equilibrata. Trasformando le attività quotidiane in esercizio fisico, questi “sedentari in movimento” come vengono definiti dalla ricerca, sfruttano ogni momento libero che hanno a disposizione e lo trasformano in attività fisica.

matteo-acitelli-selfie-tania-cagnotto
Da questa ricerca si evince che l’80% cerca di evitare gli ascensori in favore delle scale, il 62% sceglie di muoversi a piedi almeno 3 volte a settimana (il 77% anche solo occasionalmente), il 46% pratica la camminata veloce o fit walking mentre il 24% si sposta in bicicletta per andare a lavoro o a fare la spesa almeno 1-2 volte a settimana.
Ciò che spinge queste persone a tenersi in forma, spaziano da ragioni estetiche a motivi di salute, non tralasciando un altro importante aspetto; l’attività sportiva contribuisce a scaricare la tensione e lo stress.
L’attività fisica intrecciata alle consuete azioni quotidiane non è l’unico aspetto da tenere in considerazione per mantenersi in forma.

https://twitter.com/MatteoAcitelli/status/747836279878987776

I sedentari in movimento, sembrano anche conoscere un altro aspetto a cui bisogna prestare molta attenzione, ovvero, l’alimentazione: i due terzi tendono, infatti, a privilegiare un regime equilibrato mentre la metà di essi pone molta attenzione a non ingerire troppi zuccheri o sale limitando, inoltre, i cibi grassi. Tra gli alimenti irrinunciabili per tenersi in forma troviamo la frutta, la verdura e le proteine magre, come pollo e tacchino. 
Le carni bianche possiedono, infatti, proteine irrinunciabili per chi tiene alla forma fisica, e sono considerate una scelta ottimale per chi fa sport. 
Michelangelo Giampietro, nutrizionista e medico dello sport, approva questa tendenza: “Le carni bianche contengono molte proteine, pochi grassi e di buona qualità, hanno un’elevata digeribilità e un buon contenuto di vitamine e sali minerali. Per questa ragione le virtù nutrizionali rappresentano un’ottima scelta per gli sportivi o per chi vuole tenersi in forma.”

Queste ragioni sono alla base dell’iniziativa #SedentariVersoRio, promossa dal blog “W Il Pollo”, nell’ambito di una campagna di valorizzazione delle carni bianche sostenuta da Unaitalia, associazione che riunisce i principali produttori di carni avicole, e realizzata con il supporto di un team di esperti: Michelangelo Giampietro, nutrizionista e medico dello sport, Carla Consoni, trainer e docente di educazione fisica, e le nutrizioniste M. Lorena Tondi e Erminia Ebner. 
Chiunque è interessato a partecipare può collegarsi su www.sedentariversorio.it e seguire le istruzioni sulla home page per ricavare in pochi semplici click un programma di allenamento unito ad una dieta adatta alle esigenze di ogni persona.

infografica_orizzontale

Alfa Romeo Giulia, il gusto raffinato del Made in Italy

Il Centro Sperimentale di Balocco (Vercelli) è stato il palcoscenico per la presentazione della nuova gamma targata Alfa Romeo: Giulia. Concepita come l’erede della Giulietta, la prima vettura a portare questo nome è stata prodotta a partire dal 1962 e presentata nel corso dello stesso anno all’Autodromo di Monza nella sua versione Turismo (TI). L’Alfa Romeo Giulia è stata la vettura in dotazione alle forze dell’ordine ed è rimasta nell’immaginario collettivo della popolazione italiana grazie alle sue numerose apparizioni nei film del filone cinematografico dei “polizieschi all’italiana” degli anni ’70.

La nuova Giulia rappresenta un punto di svolta del marchio di Arese proponendosi come principale competitor in un segmento dominato dai marchi tedeschi. Dal punto di vista estetico, la Giulia è l’espressione di un design ricercato ed elegante che si sviluppa attraverso il senso delle proporzioni e una raffinata semplicità. Il design si distingue per gli sbalzi molto ridotti, le linee moderne e aggraziate dei fari anteriori, un abitacolo arretrato e poggiato sull’asse di trazione con i parafanghi posteriori muscolosi che ne sottolineano lo spirito sportivo e aggressivo.

La nuova Giulia è già disponibile presso gli showroom italiani, con prezzi a partire da 35.500 euro per la versione base e 75.000 euro per la top gamma Quadrifoglio. Gli allestimenti disponibili sono cinque: Giulia, Super, Quadrifoglio e due tipologie Business e Business Sport dedicate al mondo delle aziende. La nuova Alfa Romeo Giulia è proposta, inoltre, in cinque nuove motorizzazioni: 2.2 Diesel da 150 CV e da 180CV abbinati a un cambio manuale a 6 marce oppure automatico a 8 marce; 2.9 V6 Biturbo benzina da 510 CV abbinato al cambio manuale a 6 marce.
La nuova Giulia è provvista della trazione posteriore, una scelta che è in linea con la volontà della casa di Arese di assicurare prestazioni elevate, una guida divertente ed emozionante e rendere, al tempo stesso, un doveroso tributo alle radici più autentiche del mito Alfa Romeo.

Il piacere alla guida di un’Alfa Romeo è spesso coadiuvato dall’ausilio di una serie di componenti elettroniche atte a garantire una guida piacevole e sicura ma in modo poco invasivo e impercettibile per il guidatore.
La nuova Giulia prosegue su questa linea, proponendo diversi ausili tecnici a seconda degli allestimenti scelti. Tra le innovazioni a disposizione troviamo la tecnologia Torque Vectoring che grazie alla sua doppia frizione, consente al differenziale posteriore di controllare separatamente la coppia per ciascuna ruota e garantire una perfetta aderenza anche in condizioni poco agevoli. Sempre nell’ottica sicurezza, fa il suo debutto con la nuova gamma Giulia, l’Integrated Brake System, un innovativo sistema elettromeccanico che combina il controllo della stabilità con il tradizionale servofreno garantendo una risposta immediata dell’impianto frenante. La connettività è garantita dal sistema Connect 3D Nav 8,8″ mentre a garantire la sicurezza è stato sviluppato un articolato sistema di sensori, Forward Collision Warning e Autonomous Emergency Brake, che avverte il guidatore di eventuali ostacoli o pedoni.

Le aspettative di Alfa Romeo sulla nuova Giulia si possono riassumere nelle parole dell’Amministratore Delegato Sergio Marchionne: “Dal punto di vista tecnico, questa è la migliore espressione di quel che siamo capaci di fare. Non ci sono concorrenti, neanche le tedesche. Qualcuno ha detto la BMW. Portatela qui, la guidiamo in pista e vediamo. Non ho dubbi sul successo della Giulia”.

Primo Maggio a Roma, il backstage del Concertone 2016

Come ogni anno il Primo Maggio a Roma è sinonimo di Concertone, il tradizionale appuntamento in piazza di Porta San Giovanni in Laterano promosso da CGIL, CISL e UIL ed organizzato da iCompany e Ruvido Produzioni. All’edizione 2016 hanno partecipato oltre 800.000 persone provenienti da tutta Italia che nel giorno della Festa dei Lavoratori si sono radunati in una delle piazze più importanti della capitale per assistere ai live dei numerosi artisti presenti. Una manifestazione che ha avuto grande riscontro anche sui social network tanto che l’hashtag ufficiale #1M2016 dopo poche ore dall’inizio del concerto è entrato tra le tendenze italiane della piattaforma di micro blogging Twitter.

Social Team #1M2016

Social Team #1M2016

Il Concerto del Primo Maggio a Roma ha riscosso un grande successo anche in televisione grazie alla diretta di Rai 3 che ha registrato una media di 1.200.000 spettatori ed uno share medio più alto rispetto a quello dell’edizione 2015, con un picco di 6.45%. A condurre la grande manifestazione musicale dalla durata di circa 8 ore Luca Barbarossa e LaMario che hanno intrattenuto gli spettatori accorsi in Piazza San Giovanni a Roma tra un’esibizione e l’altra degli artisti.

https://twitter.com/MatteoAcitelli/status/726799960180674561

Sul palco del Concertone del Primo Maggio a Roma quest’anno si sono esibiti: Skunk Anansie, Max Gazzè, Vinicio Capossela, i Calexico, Asian Dub Foundation, Salmo, Marlene Kuntz, Tiromancino, Fabrizio Moro, Gianluca Grignani, Coez, Bugo, Dubioza Kolektiv, Tullio De Piscopo, Gary Dourdan con Nina Zilli, Nada, Perturbazione, Andrea Mirò, Raiz Mesolella Rossi, Bandabardò, Ambrogio Sparagna, Mau Mau, Peppe Barra, Rezophonic, Modena City Ramblers & Fanfara Tirana, Eugenio Bennato, Orchestra Operaia per Remo Remotti, Maldestro, The Giornalisti, Enzo Avitabile, Tony Canto, Miele, Il Parto delle Nuvole Pesanti, Med Free Orkestra con Roberto Angelini e Matteo Gabbianelli (Kutso).

Per questa edizione del Concerto del Primo Maggio a Roma ho avuto l’onore di collaborare con il Social Team per raccontare live sui social network il più grande evento gratuito di musica dal vivo in Italia insieme a Chiara Ercini del blog “A day in Rome” e Riccardo Onorato del blog “Guy Overboard”. Questo mi ha permesso di seguire il backstage dell’evento e vivere tutta la macchina organizzativa di questo grande evento musicale nato nel 1990 e che ogni anno riesce ad emozionare tutti gli appassionati di musica e non presenti in piazza. Segui l’hashtag #1M2016 su Facebook, Twitter e Instagram per rivedere tutti i contenuti pubblicati in occasione del Concertone 2016 di Roma.