People Are Media, il nuovo libro sul business digitale nell’era dei selfie

Nessun commento

È da pochi giorni disponibile nelle librerie di tutta Italia “People Are Media“, il nuovo libro di Aldo Agostinelli e Silvio Meazza edito da Mondadori Electa. Tema centrale “il business digitale nell’era dei selfie”, sottotitolo utilizzato dai due autori per evidenziare come l’avvento dell’era digitale ha apportato, oltre ad una rivoluzione tecnologica, anche una rivoluzione culturale. Come scrive anche Marco Montemagno nella prefazione di “People Are Media”, sono “le persone: protagoniste di questi cambiamenti e anche il medium (il mezzo attraverso il quale queste rivoluzioni sono possibili) che le vive, le racconta e le condivide”.

L’utilizzo sempre più frequente dei dispositivi mobile e computer connessi in Rete e tempestati da centinaia di notifiche ogni giorno ha portato le persone ad essere superficiali e distratte: non si fa in tempo a concludere un task che se ne riceve un altro, siamo pieni di input, suggerimenti ma anche opportunità. Ed è proprio questo il focus di “People are Media – Il business digitale nell’era dei selfie“, un libro che tenta di analizzare l’evoluzione tecnologica e sociologica che accompagna questi anni e che vede brand ed aziende tentare di catturare l’attenzione degli utenti adattando i propri business nella sempre più difficile ricerca dell’attenzione.

“Tra i bisogni primari dell’essere umano c’è l’esigenza di comunicare. Oltre a mangiare, dormire, riprodursi, fin dall’alba dei tempi l’uomo ha cercato un modo per trasmettere ai suoi simili i suoi pensieri, le sue sensazioni, le sue paure. L’avvento del digitale è stato disruptive anche in questo settore. Oggi chiunque può comunicare con chiunque, quando vuole, gratuitamente e in modo istantaneo. Sono trentanove milioni gli italiani su internet, e navigano sei ore al giorno da computer e due da cellulare. Un capitale umano enorme che va governato, ma anche un bacino potenzialmente illimitato a cui attingere per fare business, attraverso l’interpretazione dei big data e le tecniche più raffinate ed efficaci di storytelling. Perché viviamo in un’epoca in cui i nostri gusti, i nostri bisogni e le nostre esigenze sono conservati nella cache del nostro computer, l’unico luogo in cui non possiamo mentire mai.”People Are Media

Se lavori o sei un appassionato di social media, e-commerce, Internet of Things, Big Data, Blockchain e simili non puoi non leggere “People Are Media”, un libro che in modo semplice e completo analizza potenzialità e rischi del business digitale nell’era dei selfie. I sette capitoli che compongono il libro offrono un approccio in grado di attirare l’attenzione di professionisti e curiosi che hanno intenzione di approfondire le dinamiche alla base della rivoluzione tecnologica del ventunesimo secolo.

People Are Media: Aldo Agostinelli e Silvio Meazza, autori del libro

Aldo Agostinelli e Silvio Meazza

Il libro “People Are Media” è stato scritto da Aldo Agostinelli e Silvio Meazza, entrambi con un passato all’interno del settore della comunicazione. Nel dettaglio Aldo Agostinelli ha maturato una lunga esperienza nelle direzioni marketing e digitali di numerose aziende italiane e internazionali tra cui Hewlett Packard, H3G, Tim, Ericsson, Ina Assitalia e Sky Italia. Silvio Meazza, invece, nasce come software designer e it manager. Negli anni ha gestito quattro agenzie digitali all’interno di quasi tutti i principali gruppi di comunicazione lavorando per clienti e brand quali Renault, Bmw, Fiat, Seat, Deutsche Bank, Intesa San Paolo, Unicredit, Mars, P&G, Ferrero, Sky, Telecom Italia e Fastweb. Inoltre nel 2010 ha fondato insieme a 4 soci l’agenzia M&C Saatchi Milano che oggi vanta oltre 100 dipendenti.

People Are Media è in vendita in tutte le librerie e su Amazon al prezzo di 19.90 euro. Un motivo in più per acquistare questo volume di 222 pagine edito da Mondadori Electa il fatto che i proventi derivanti dalla vendita saranno interamente devoluti in beneficenza a Libera Associazione, nomi e numeri contro le mafie.