Articoli

La Molisana porta la pizza con farina di semola a “La Città della Pizza” a Roma

La Città della Pizza è ufficialmente sbarcata a Roma. Da venerdì 6 a domenica 8 aprile 2018 Guido Reni District ospita i migliori pizzaioli d’Italia per una tre giorni dedicata alla pizza. Oltre 120 ricette dalle più tradizionali alle più creative che potranno essere abbinate dai visitatori con le numerose birre artigianali presenti all’evento. Disponibili inoltre numerosi workshop e incontri tecnici con i più grandi maestri della pizza. Per tutti i “Pizza Lover” è dunque possibile accedere gratuitamente all’evento in Via Guido Reni 7 a Roma (Zona Flaminio) ed acquistare i gettoni validi per comprare pizze, fritti e bevande disponibili nei vari stand.

Tra questi degni di nota è la “Casa della Semola“, uno spazio realizzato da La Molisana dedicato esclusivamente alla pizza fatta al 100% con semola di grano duro decorticato a pietra. Qui i visitatori de “La Città della Pizza” avranno modo di gustare la pizza preparata con le semole di grano duro della gamma “Gli Sfarinati La Molisana”, che comprende: Semola tradizionale (perfetta per pasta e pizza); Semola rimacinata, macinata due volte per ridurne la granularità e facilitarne la lavorazione (da utilizzare per tutte le preparazioni in cui normalmente si utilizza la farina tra cui biscotti, dolci e torte); Semola integrale, ancora più completa dal punto di vista nutrizionale e Semola per pizza, ideale per lievitazioni lunghe.

Buona serata! 😍🍕 Questa sera non potevo non passare alla "Casa della Semola", uno spazio dedicato esclusivamente alla pizza fatta al 100% con semola di grano duro decorticato a pietra. Uno spazio allestito da @pastalamolisana all'interno della manifestazione @lacittadellapizza, da oggi a domenica 8 aprile al Guido Reni District di Roma. Se questo weekend siete in giro per Roma vi invito a fare un salto qui al @guidoreni_district e provare la pizza come non l’avete mai assaggiata. La semola per pizza de La Molisana costituisce una novità assoluta perché consente di realizzare un impasto più leggero, digeribile e croccante. Se ami la pizza non puoi non passare! 😍😋 #justsemola #mifabene #adv #pastalamolisana #lacittadellapizza

A post shared by Matteo Acitelli (@matteoacitelli) on

Pizza con farina di semola La Molisana: le ricette

– La PICCANTE va in Città: con crema di carciofi, provola affumicata di Agerola e ventricina piccante molisana
– #mifabene: con pomodori semisecchi, stracciata molisana del Caseificio Di Nucci, olive nere e pesto alla genovese
– Terre di confine: con crema di broccoli, salsiccia di nero casertano e caciocavallo molisano del Caseificio Di Nucci.

Maker Faire Rome 2017, alla Fiera di Roma torna l’evento dedicato agli artigiani digitali

Dal primo al 3 dicembre torna alla Fiera di Roma Maker Faire Rome, la più importante manifestazione sull’innovazione che celebra la cultura del “fai da te” in ambito tecnologico. Più di 100mila metri quadrati in cui gli appassionati di tecnologia, gli artigiani digitali, gli hobbisti, i centri di ricerca, gli studenti e le imprese avranno la possibilità di mostrare le loro creazioni e condividere le loro conoscenze con i visitatori di questo importante evento promosso dalla Camera di Commercio di Roma e organizzato dalla sua Azienda Speciale Innova Camera.

Maker Faire Rome 2017: “The Future in the Making”, l’evento d’apertura della manifestazione

La quinta edizione di Maker Faire Rome avrà come tema dominante l’impresa 4.0. Come per le scorse edizioni, infatti, anche quest’anno l’evento ha l’obiettivo di avvicinare i visitatori a nuove realtà digitali, rendere più accessibili gli argomenti trattati tramite workshop, seminari e l’Opening Eveng “The Future in the Making”, un “futuro in costruzione” che verrà raccontato in occasione della conferenza d’apertura che sarà condotta da Alessio Jacona e vedrà la partecipazione di numerosi ospiti provenienti da tutto il mondo.

Tra i temi che verranno trattati in questa tre giorni dedicata ai “Makers” non mancheranno poi attività relative all’Internet delle cose, l’agricoltura 4.0, il cibo del futuro, mobilità smart, edilizia sostenibile, robotica, realtà virtuale, realtà aumentata e biotecnologie. Tutti gli utenti interessati a scoprire nel dettaglio il programma completo del Maker Faire Rome 2017 possono collegarsi al sito ufficiale della manifestazione e consultare l’elenco degli espositori e dei progetti che saranno presenti alla Fiera di Roma.

Maker Faire Rome 2017: Eni presenta lo spazio Innovation for Energy

Main Sponsor dell’edizione 2017 di Maker Faire Rome è Eni che anche quest’anno sarà presente in fiera all’interno dello spazio #InnovationforEnergy in cui verrà evidenziato l’impegno dell’azienda sui temi dell’innovazione e digitalizzazione applicati all’ambito Health&Safety. Nel dettaglio verrà presentato il Training in Virtual Reality (VR) attraverso l’Operator Training System (OTS) che già da tempo viene utilizzato da Eni per addestrare gli operatori d’impianto in maniera immersiva e collaborativa e l’Augmented Health and Safety in cui i visitatori potranno divertirsi con la realtà aumentata e virtuale attraverso contenuti interattivi realizzati in collaborazione con il Massachusetts Institute of Technology (MIT) di Boston.

Maker Faire Rome 2017: orari, come arrivare e dove acquistare i biglietti

Maker Faire Rome si svolgerà all’interno della Fiera di Roma (Via Portuense 1645) dal 1 al 3 dicembre 2017. I progetti dei Makers saranno distribuiti all’interno di 7 padiglioni del celebre polo fieristico romano per un totale di più di 100.000 metri quadrati di evento. Tutti gli utenti interessati a partecipare alla manifestazione possono acquistare il biglietto d’ingresso tramite il sito web ufficiale della fiera o tramite le biglietterie presenti il loco che saranno aperte nei giorni dell’evento dall’orario di ingresso (ore 14.00 il venerdì e ore 10.00 sabato e domenica) alle ore 18.00. Tramite le biglietterie presenti alla Fiera di Roma saranno acquistabili esclusivamente i biglietti per il giorno corrente della manifestazione.

Articolo promosso da ICE – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane.

Axa Italia inaugura la nuova sede a Roma: lo Smart Working reinventa il modo di lavorare

Nella mattinata di oggi è stata presentata la nuova Sede di AXA Italia a Roma, una struttura che reinventa il modo di lavorare dei collaboratori grazie allo Smart Working. Addio alle postazioni fisse, l’azienda leader nel settore delle assicurazioni ha decido di superare la logica della presenza fisica a favore di una cultura orientata a risultati, fiducia e responsabilità.

Ad introdurre la rivoluzione partita nel 2016 è intervenuto il CEO di AXA Italia Patrick Cohen che ha dichiarato: “Vogliamo reinventare il modo di lavorare nel settore assicurativo attraverso un cambiamento della cultura aziendale, favorendo un modello basato sull’agilità, la semplificazione e il benessere per generare performance. Continuiamo a investire per essere una delle aziende migliori dove lavorare: questo è il punto di partenza per servire sempre meglio i nostri clienti”.

La nuova sede AXA Italia a Roma

La nuova sede romana di AXA Italia si trova nel quartiere di Tor de’ Cenci e si presenta con degli spazi completamente ridisegnati e adeguati alle esigenze delle “Smart People”. Il 97% dei dipendenti si dice soddisfatto dell’introduzione dello Smart Working: il 76% ritiene che la produttività sia incrementata, il work life balance è migliorato per l’89% e la motivazione è accresciuta per il 68%. Tante le opportunità offerte ai dipendenti dell’azienda tra cui la possibilità di accedere ai migliori corsi online delle più prestigiose università del mondo grazie alla partnership con Coursera, la startup interna Innovation Hub il cui obiettivo è quello di realizzare servizi innovativi per migliorare la vita delle persone ed i due Blog #NatiPer e Un Post Protetto che raccontano quotidianamente il mondo della protezione, dell’innovazione e della sostenibilità.

Axa Italia: come funziona lo Smart Working

Per consentire ai dipendenti dell’azienda di approcciare al meglio con lo Smart Working, i vertici di AXA Italia hanno adottato tre dimensioni che hanno permesso di concretizzare la trasformazione in benefici per l’azienda, la società e le persone: Bricks, Bytes e Behaviours.

Bricks: la nuova sede romana di AXA Italia ha abbandonato le tipiche scrivanie assegnate degli uffici tradizionali, i lavoratori dell’azienda adottano una modalità di lavoro più dinamica e personale di vivere gli ambienti. Lo stesso approccio sarà a breve adottato anche nella sede milanese del Gruppo.

Bytes: sono state introdotte nuove tecnologie così da consentire ai collaboratori di lavorare ovunque lo desiderino.

Behaviours: i dipendenti AXA Italia della sede di Roma hanno la possibilità di lavorare da remoto fino a 2 giorni alla settimana, inoltre è stato avviato un piano di change management che ha coinvolto tutti, dai manager ai team member.

Alla stazione di Roma Termini il temporary store Pasta La Molisana

È stato da pochi giorni inaugurato alla stazione di Roma Termini il temporary store de La Molisana, una location realizzata sui quattro asset che ripercorrono la storia del noto brand molisano: acqua cristallina di sorgente, aria pura di montagna, mugnai da quattro generazioni e i migliori grani selezionati. Tutti coloro che desiderano dare un’occhiata allo store e magari acquistare i vari prodotti del brand potrà recarsi presso la Stazione Termini di Roma fino al prossimo 9 novembre.

All’interno del nuovo temporary store de La Molisana a Roma Termini si potrà così scoprire la nuova ricetta della pasta La Molisana ed acquistare le numerose proposte offerte dal marchio di Campobasso: dalle paste nei formati classici di farina bianca e integrale, passando per “Le Speciali”, le gluten-free, le farine, il formato “Extra di Lusso” realizzato per il centenario dell’azienda e la special edition “Giuseppe Ferro”, un omaggio alla famiglia Ferro, proprietaria dello storico marchio di pasta che oggi è disponibile in 85 Paesi in tutto il mondo.

Come spiegato dal direttore marketing Rossella Ferro: “Con questa iniziativa abbiamo voluto portare a Roma un angolo del nostro territorio, di cui portiamo orgogliosamente il nome. Veniamo da una famiglia di mugnai da quattro generazioni e, acquisendo La Molisana nel 2011, abbiamo realizzato il sogno di diventare anche pastai, arrivando nelle case dei consumatori con il prodotto finito. La qualità del grano, frutto della nostra esperienza centenaria nell’arte molitoria, è valorizzata dalle caratteristiche straordinarie del territorio in cui operiamo: il nostro è un pastificio di montagna, dove l’aria rarefatta preserva al meglio le qualità della materia prima e dove abbiamo a disposizione un’acqua purissima e leggera, dalla qualità certificata. Sul nuovo pack, che presentiamo qui a Roma con tutta la gamma, abbiamo voluto ribadire con orgoglio questi contenuti, che ci differenziano dalle altre marche”.

E se passi per la Stazione di Roma Termini entro il 9 novembre passa al temporary Store La Molisana e comunica il codice #TEMPUP2017 al momento dell’acquisto di un qualsiasi prodotto per ricevere in omaggio un accessorio. Infine, nel periodo in cui sarà attivo lo store a Termini, 12 ristoranti a Roma e dintorni proporranno nel loro menù una serie di ricette speciali realizzate con la pasta La Molisana e realizzate in esclusiva per celebrare la presenza del brand nella città. In questi locali i clienti potranno anche ritirare un coupon che consentirà di ottenere uno sconto sugli esclusivi prodotti in vendita presso il Temporary Store, dai formati più classici a quelli più innovativi, come lo Spaghetto Quadrato e le Farfalle Rigate La Molisana. Ecco la lista dei dodici ristoranti di Roma partner de La Molisana:

Ristorante ‘Le Salette del Gusto’ – Via Dei Sardi 8 – Roma
Ristorante ‘Bacchus’ – Via della Torre Alessandrina 77 – Fiumicino Roma
Ristorante ‘Cabina 31’ – Lungomare di Levante 232 – Fregene (Roma)
Ristorante ‘La Ciociara’ – Via Lungoliri Simoncelli 2 – Sora (Frosinone)
Ristorante ‘Eco Blu’ – Via Fidenza – Roma
Ristorante ‘La Forchetta Matta’ – Via Monti Lepini 5 – Monterotondo (Roma)
Ristorante ‘La Lampara’ – Via Carbonia 35- Passo Scuro (Roma)
Trattoria ‘Della Nonna’ – Via Settevene palo 4 – Cerveteri (Roma)
Ristorante ‘Il Panorama’ – Via passeggiata Pianillo 2 – Segni (Roma)
Ristorante ‘Papillon’ – Via Delle Barozze 39- Rocca di Papa (Roma)
Ristorante ‘I Quattro Ricci’ – Via del Casalone – Cerveteri (Roma)
Ristorante ‘Le Tamerici’- Via Dello Scavolino 79 – Fiumicino (Roma)

T-Walk, le passeggiate culturali T-Bone Station per scoprire Roma (e mangiare bene)

Per tutti gli appassionati di cibo e cultura T-Bone Station ha organizzato un nuovo format che ogni mercoledì, fino al 12 luglio, consente ai romani e ai turisti nella capitale di scoprire Roma gustando i sapori dei piatti firmati T-Bone. Nella giornata di ieri ho avuto il piacere di provare questa esperienza chiamata T-Walk (“T” che richiama il brand T-Bone Station), una passeggiata culturale a Trastevere dove le guide dell’associazione culturale Sinopie mettono a disposizione il loro sapere per raccontare ai partecipanti la storia del locale di via di Santa Dorotea che ospita all’interno il forno della Fornarina di Raffaello e la chiesa di Santa Dorotea al suo fianco, il tutto sorseggiando uno Spritz e stuzzicando nachos con guacamole.

Concluso l’aperitivo si inizia la passeggiata: da Piazza Trilussa a Piazza Navona, al tramonto, passando per Ponte Sisto (dove è possibile ammirare il murales di William Kentridge Lungotevere), via Giulia, Piazza Farnese, Largo Argentina e Pantheon. A guidare il tour un gruppo di guide turistiche autorizzate dalla Regione Lazio che catapulteranno i partecipanti nella Roma Rinascimentale.

Passeggiata culturale T-Bone Station Roma

A fine tour si rientra dunque al T-Bone Station di Trastevere per concludere la serata con una gustosa cena tra un’ampia scelta di hamburger, Veggie Burger, Salmon Steak e Bistecca dal Nord Europa, contorno, birra e dolce. La partecipazione alle T-Walk ha un costo di 30 euro che comprende l’aperitivo, la passeggiata cultura con guida e la cena. Tutti coloro che sono interessati alle passeggiate culturali T-Bone possono inviare un messaggio privato tramite la pagina Facebook “T-Bone Station (Via Santa Dorotea 21, Roma)” o via mail all’organizzatore Federico Massi (federico.massi@t-bone.it).